24 fotogrammi in 4 parole


la persona de leo n.
febbraio 28, 2008, 12:29 am
Filed under: amore e dintorni, anima, cinema, transessuali | Tag:

Mi imbatto in un film in dvd dal titolo non eccessivamente accattivante ma che acquista il proprio significato già dopo le prime scene. Un film/documentario sulla storia di una persona e della sua transizione. La persona De Leo N.
Un film molto bello, una storia che ha scavato nelle mie viscere e scosso tutti i pensieri ancora in fila su altri fronti.

Oggi si parla di transessuali, di uome e donni (leggevo a tal proposito qualcosa su un D la repubblica delle donne qualche domenica fa). Si discute sulle questioni di genere. Questioni di identità. Ma a che serve discuterne senza avere un punto di vista intimo, direi quasi anatomico e propriocettivo? Questo è ciò che quest’opera riesce ad avere. E a dare: uno sguardo intimo sulla transizione di genere.
“Il mio sforzo è sempre quello di adottare un punto di vista il più possibile vicino a quello del personaggio che vorrei conoscere e raccontare. E dico personaggio proprio perché questo è quello che accade nel cinema di finzione – dice il regista Alberto Vendemmiati – “per il documentario invece ci vuole tempo, tanto tempo. E’ il suo fascino. E quando qualcuno non coinvolto in un racconto mi spiega qualcosa, non mi convince, soprattutto se quel qualcosa è una grande sofferenza”.

Questo film/documentario attiva un processo di identificazione; non tanto con il personaggio quanto con l’esigenza umana della persona di nutrire e costruire il libero arbitrio rispetto alla gestione della propria vita. La certezza che l’irreversibilità della vita passa attarverso la reversibilità delle scelte.

La persona De Leo N.
è un viaggio che parte dal biologico per arrivare ad un’etica certezza che la protagonista stessa (della propria vita e del film) sintetizza così:
sono una persona che è nata per essere se stessa. Dopo la prima partita ho rimischiato le carte per giocare la rivincita ed ho vinto.

Cercatelo e vedetelo.



Il puglia-sharing
febbraio 24, 2008, 9:47 pm
Filed under: puglia | Tag:

Pugliesi residenti a Firenze, unitevi!

Dopo il car-sharing, il bike-sharing, il file-sharing, il couch-sharing (altresì detto couch surfing), propongo di utilizzare questo luogo perchè possa diventare il punto di riferimento per il Puglia-sharing.
Un’operazione che facilita la mobilità sostenibile per e dalla Puglia.
Se conoscete amici, parenti, cani e gatti pugliesi che vivono a Firenze e che hanno le esigenze consuete dei fuori sede, segnalategli questo blog. Ho aggiunto una categoria qui sul lato (PUGLIA-SHARING) con un bel pulmino che nasconde il link alla mia email. Pertanto, se qualcuno scende in macchina e ha bisogno di gente con cui dividere le spese oppure scende con treno notturno ed ha voglia/bisogno di condividere un viaggio pernicioso con sosta notturna a bologna, mi scriva.
Potrei mandare una email al gruppo di pugliesi che man mano si sarà formato appena ricevo un’offerta o una proposta di mobilità.

Non so se questa cosa funzionerà, intanto ci provo. Almeno metto a frutto la vocazione di un blog: comunicare a molti le esigenze di moltissimi! :-)

MI RACCOMANDO: NON LASCIATE EMAIL NEI COMMENTI. SCRIVETE ALL’INDIRIZZO 24FOTOGRAMMI@GMAIL.COM.



un cuore a lunga conservazione
febbraio 20, 2008, 10:53 pm
Filed under: amore e dintorni, anima, città | Tag:

Vorrei chiudere il cuore in un foglio di pellicola trasparente e stringere forte perchè non perda il suo vermiglio succo.
Vorrei impacchettarlo ad arte, stendendo i lembi del foglio perchè non si formino quelle irritanti cicatrici di plastica in cui non trovi mai l’entrata quando la cerchi e ti costringono a scassinare il pacchetto con coltelli affilati.
Vorrei prendere il mio cuore, così confezionato, e riporlo in fondo nello scomparto del frigo insieme all’insalata e al burro. Nascosto perchè nessuno lo veda. Nascosto e ben conservato al freddo e al buio. E nel microclima che si forma negli spazi – atomi – infinitesimali, tra questo cuore e la sua pellicola, lì riporre i muschi e i licheni. A protezione.
Ho un cuore a lunga conservazione io, si sa. Solo il cielo sa come fa a mantenersi ancora integro senza conservanti e polifosfati.

Quello che voglio dire è che tutti i giorni, uscendo e tornando a casa, passo attraverso un luogo che è una galleria di vento umano straordinaria. Ha una stufetta d’inverno e un ventilatore d’estate e un uomo che se ne prende cura. I passanti lasciano solo passi ma lì dentro, questi passi, sembrano uniti da una comune coreografia, un Bolshoi metropolitano che a riprenderlo con una videocamera lasceremmo ai posteri un monumento della vita urbana di valore storico. Se la storia così come la conosciamo avrà ancora un senso. Vorrei portarci ognuno di voi per vedere se fa lo stesso effetto che dopo due anni e mezzo fa a me. Ancora.
Due anni e mezzo.

Sì, d’accordo: non bisogna coltivare l’attesa ma la speranza affinchè questo cuore si conservi bene per vedere ancora. Sentire i passi.
E amare.

Così ho risposto a tutti. :-) Credo.